Appuntamenti: domani Alba Sasso a Conversano

aprile 10, 2008

Venerdì 11 Aprile
CONVERSANO
Piazza XX Settembre – ore 20.45

Comizio de la Sinistra/l’ Arcobaleno con:

 

ALBA SASSO

Vice Presidente della Commissione Cultura e Pubblica Istruzione e candidata nelle liste de la Sinistra/l’ Arcobaleno al Senato della Repubblica.


Comizio di Nicola Fratoianni

aprile 8, 2008

 

Mercoledì 9 Aprile
CONVERSANO
Piazza XX Settembre – ore 20.20

Comizio de la Sinistra/l’ Arcobaleno con:

 

Nicola FRATOIANNI


Segretario Regionale del Partito della Rifondazione Comunista e candidato nelle liste de la Sinistra/l’ Arcobaleno alla Camera dei Deputati.


Giovane Sinistra o vecchia politica?

aprile 8, 2008


La Conturband per la Sinistra – l’ Arcobaleno

aprile 7, 2008

Alcune immagini del concerto della Conturband per la Sinistra – l’ Arcobaleno.

 


Sulla Precarietà

aprile 6, 2008

Il mio intervento durante l’ incontro-dibattito sulla Precarietà svoltosi ieri sera al Palazzo Roberti, in piazza XX Settembre a Mola di Bari.

 

Care Compagne e Cari Compagni,

 

questa campagna elettorale ci sta parlando della Precarietà e ci racconta esperienze reali di Vita, di orari indecifrabili nei call center, della produttività di Fabbrica che passa sopra la dignità del Lavoro e la Sicurezza dei lavoratori, di alienazione e annichilimento personale pur di accedere ad un Reddito minimo che non garantisce nulla se non la consapevolezza che il domani non sarà diverso.

 

Ci racconta delle menzogne sulla nostra politicizzazione pur di avere un contratto che prende i nostri sogni, le nostre speranze e le rinchiude nel reticolato stretto, angusto e soffocante dell’ attuale Legge 30. Ed ogni persona qui presente possiede una storia personale e comune di annientamento e sfruttamento umano.

 

E’ una campagna elettorale che costruisce finalmente una grande narrazione, perché l’ Essere umano non può farne a meno. Perché Precarietà non è solo l’ operaio, non è solo qualcuno in particolare. Precario è tutto, è diventata una condizione esistenziale che subordina fortemente le nostre Relazioni. Ed un bacio tra due Esseri umani non riesce più neanche a pensare a qualcosa di diverso, perché non è più pensabile il Domani nell’ attimo che viviamo qui ed ora.

 

Pensioni integrative di 50 euro al mese, rinunciare a misure di Sicurezza anche elementari per aumentare la produttività come imposto dall’ Azienda, dimenticarsi di una regolarizzazione pur di ottenere Reddito. Svendersi. Rinunciare a se stessi, al proprio Corpo, alle proprie potenzialità per un vago bisogno di denaro.

 

E ci sembra un po’ di essere tutti nel quadro di Friedrich Caspar David, “Viandante sul mare di nebbia”, dove c’è un uomo su un monte che guarda altre cime in controluce. Noi siamo quelle cime in controluce. Non ci vediamo, atomizzati ed individualizzati in questo mare di nebbia della Precarietà. Non ci riconosciamo, esclusi da ogni capacità reale di capire e sviluppare una coscienza critica sulla nostra situazione. Non ci vedono, per convenienza. Ma in questo mare di nebbia noi vogliamo imparare a muoverci. La Precarietà, che è diventata nostra compagna di Vita, da domani diventerà il grimaldello che ci permetterà di cambiare il Mondo. E saremo tutti più liberi, almeno di vederci per riconoscersi e per gridare la nostra Esistenza. 

 


Iniziativa Pubblica

aprile 4, 2008

Sabato 5 Aprile, ore 21

Piazza XX Settembre, Mola di Bari

 

sinistra_arcobaleno_3001.gif

Sabato 5 Aprile – dalle ore 21
Mola di Bari, Piazza XX Settembre

On. Pietro FOLENA capolista al Senato – Presidente della Commissione Cultura al Parlamento 

Sabato 5 Aprile – dalle ore 21.30
Palazzo Roberti (in Piazza XX Settembre) – Mola di Bari

iniziativa/dibattito

On. Alba SASSO candidata al Senato – Vicepresidente della Commissione Cultura al Parlamento
Laura MARCHETTI – Sottosegretario al Ministero dell’Ambiente e della tutela del Territorio e del mare
Paolo RANIERICGIL-RSU INPS – Direttivo Camera del Lavoro Mola di Bari
Fabio ERRIQUENZ – Nidil-CGIL Camera del Lavoro Mola di Bari – Candidato alle Elezioni Amministrative di Conversano
Coordina: Nico COLELLA Portavoce della Sinistra molese


Rifiuti e Ambiente

aprile 1, 2008

DALLA CAMPANIA A CONVERSANO: IL PROBLEMA RIFIUTI

La Campania di questi ultimi anni (e, in modo particolare, degli ultimi giorni) ha reso evidente quello che, per alcuni, era già una certezza. I Rifiuti sono un problema. A differenza di cinquanta, quaranta, trenta o anche venti anni fa, oggi i Rifiuti sono stati messi all’ordine del giorno della nostra agenda politica e sociale. Occupano le prime pagine dei quotidiani, delle riviste, delle trasmissioni televisive, sono diventati un discorso fondamentale e ridondante di certa retorica parlamentare ed elettorale. L’approccio a questo “problema” fa saltare le categorie di destra e sinistra (centro incluso), omologando tutto nel grande calderone della tecnica amministrativa. Ed in questa confusione totale vince la soluzione apparentemente più facile e “logica”, semplicemente perché è quella che risponde meglio all’Emergenza e quindi è culturalmente più facile da diffondere. La soluzione dell’incenerimento, di cui la Raccolta differenziata è un momento importante perché permette di selezionare alla fonte il materiale più utile alla produzione di Energia.

I Rifiuti sono stati quindi coinvolti dal grande business del Mercato, dal ciclo della valorizzazione e del Profitto. Sono diventati “merce” da accumulare e da scambiare, trasformandola in altro. La “merda”, in pratica, ha assunto valore ed è stata cooptata nel grande sistema mediatico del consumo. In questo modo la “produzione” dei Rifiuti è entrata nell’immaginario collettivo ed è stata associata al “benessere” individuale e collettivo. Chi produce Rifiuto, chi ne produce in abbondanza, è benestante. Non importa, si può fare successivamente la Raccolta differenziata per mettere la propria Esistenza in pace con le prime pagine dei giornali, con le trasmissioni televisive e con l’Emergenza della Campania.

Il reale problema è (e rimane) il ritmo dei consumi e della produzione di Rifiuti che è diventato insostenibile. Mentre tutti sono favorevoli alla Raccolta differenziata, infatti, pochi sono d’accordo con la riduzione della produzione di Rifiuti, con la trasformazione dei propri consumi. Perché importa mettere da parte cinquanta bottiglie di plastica ogni mese, anche per buttarle nella busta riservata, piuttosto che pensare di usare una sola bottiglia di vetro per trenta giorni. In questo modo siamo giunti a livelli di consumo insostenibili socialmente. Anche a Conversano.

IL PD E LE RISPOSTE DELL’ AMBIENTALISMO DEL FARE

Il primo Forum tematico sull’Ambiente del Partito Democratico con oggetto “Ambientalismo del fare. L’ambiente al centro della politica e del futuro” si è svolto Sabato 26 e Domenica 27 Gennaio ed ha visto intervenire, tra gli altri, Walter Veltroni che, in pratica, ha ripreso il discorso sull’ambientalismo del si già fatto al “Lingotto” qualche tempo fa (determinando in quella occasione la sua candidatura a leader del nascente piddì).

L’idea del Partito Democratico sulle questioni che riguardano l’Ambiente è molto semplice, diretta, immediata. Arriva subito ai media ed è spendibile facilmente nei salotti televisivi. Non richiede troppe spiegazioni, particolari analisi. È l’idea del Fare, del Si (l’ambientalismo del fare, appunto). È una idea che piace anche a molte Associazioni dell’ambientalismo italiano (con tutte le ramificazioni locali).

Piace perché non mette in discussione i “rapporti di produzione” (anatema), non critica quel “dominio” che evidentemente crea determinate situazioni sottomettendo il Territorio a dinamiche di accumulazione e di profitto. Piace perché si limita a rispondere all’Emergenza, con una capacità di penetrazione culturale difficile da contrastare. Davanti alla grande Emergenza della monnezza napoletana, ad esempio, il “fare”, il “Si” è molto più semplice da spendere rispetto ad altre possibili Idee.

In questo modo l’Emergenza sembra essere “piegata” per favorire il “fare” che piace al Partito Democratico (ma, naturalmente, non solo al piddì). Il Si alla logica dell’Incenerimento dei Rifiuti (basta fare la Raccolta differenziata per appagare il perbenismo). Il Si alla TAV, perché il Mercato, perché la modernità, perché l’Europa, perché il Prodotto Interno Lordo. Il Si a tutto quello che “serve” per migliorare le condizioni materiali degli Esseri umani (se non di tutti, sicuramente di qualcuno). Ma ogni Essere umano è inserito in un contesto, in un Territorio. Se si danneggiano i Territori, ne risentono le Comunità insediate.

E così, questo “ambientalismo del fare”, finirà con il curare l’albero senza fare nulla per la discarica che lo circonda.


Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.